martedì 3 aprile 2012

Dove lo porto il bebè?

Stendino familiare post piscina
Zingari si nasce o si diventa?
Non lo so e a volte mi trovo a chiedermi se tutto questo "movimento" faccia piacere a questa bimbetta che ha già tre mesi e mezzo e che uarda con occhioni curiosi me e il mondo intero. 
Poi mi rispondo da sola, dicendomi che se sto bene io mamma, se stiamo bene noi genitori, sicuramente starà bene anche lei.
Detto fatto la primavera ci arriva in casa e ci trascina fuori.  

Per mercati, come abbiamo visto già qui, e domenica scorsa abbiamo fatto il bis. Prendetela ormai come una informazioni buona per il prossimo anno, ma alle Cascine, lo splendido parco fiorentino nel cuore della città, per le quattro domeniche che precedono Pasqua c'è un grande mercato, un po' di tutto, banchi dei cinesi della Piana con abbigliamento pronto moda ma anche alimentare e oggetti particolari. Ma la cosa più strana sarà la gente. Abbiamo visto uno con un maiale nero al guinzaglio! Giuro.


Al Parco. Passeggiate per godersi la primavera, validissimi i parchi urbani, qui nella Piana ci siamo date più di una volta a Rendez-vous con le mamme e i bimbi amici nostri a Villa Montalvo, ma anche gite di famiglia sugli argini del Bisenzio, o alle stesse Cascine, oppure nella recente visita in Vallé nell'area verde di Pollein o per rimanere in riva ad un fiume lungo la pista ciclabile che costeggia la Dora. Per fortuna, in molte città e province italiane si incomincia a valorizzare e a voler bene al territorio e a saperne godere. In programma, su suggerimento di Stefy di PianoB, una gita al giardino di Villa Garzoni!

Per attività ludiche e para-sportive, iniziamo già a riempirgli la giornata di corsi e lezioni! Infatti dopo il corso di massaggio infantile, tenuto da una brava alieva AIMI (se vi interessa zona prov. nord firenze vi passo il numero!) siamo passati al corso di acquaticità. E qui si apre l'imbarazzo della scelta sul dove farlo, dall'Hidron all'Academyc Center, alla Micropiscina, chi più ne ha più ne metta!

...e anche a spasso per lo shopping, oramai quasi tutti i grandi centri commerciali si sono attrezzati con bagni con fascatoi per cambiare i pannolini. Certo non tutti in stile Ikea, che sono super amici delle mamme - figurarsi che hanno anche alcuni gabinetti con la seggetta di lato al wc in cui una povera mamma riesce a far pipì portandosi il bebè - ma la stragrande maggioranza degli esercizi commerciali ormai è attrezzata per il cambio pannolino. 
Certo poi ci sono alcuni posti veramente fuori di testa, dove non sono comprese e accettate le esigenze dei bambini. In particolare un bar ad Aosta in Piazza Croce di Città di recente apertura (se non avete capito recupero pure il nome!), in cui devi lasciare il passeggino all'ingresso e non entrare con coni gelato e pizzette. Facevano prima a scrivere vietato l'ingresso ai bambini!  
Oppure mostre come quella del Museo di Paleontologia di Firenze - Dinosauri in carne ed ossa - dove mi è stato riferito i passeggini non sono ammessi! Capisco problemi logistici, ma i bambini son spesso portati nei passeggini! Noi ci andremo, ma con il marsupio!

Come si viaggia? In macchina e meglio in due, accessoriati di parasole e sonaglini cattura attenzione, pronti ad ogni canzoncina, ma anche con l'autobus, meglio non scegliere l'ora di punta e cercando di evitare il coinvolgimento degli utenti che in caso di pianto del pargole, si prodigheranno tutti nel sopire le grida, causandone di più forti!

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
google-site-verification: googlec495cc6d006329c6.html