mercoledì 2 novembre 2011

"si sa che la gente dà buoni consigli..."

ovvero di come tutti si senton di dar consigli ad una donna incinta!

Ci siamo accorti, già dai primi mesi di gravidanza, quanto fossero invadenti i condizionamenti altrui e quanto fossero forvianti sulle effettive necessità ed opportunità di una panza. Ammetto che chi ha risentito maggiormente del problema - se così si puo' chiamare - sono io, perché iddu - lui, l'asceta francescano, il mio consorte - ne è rimasto ben poco coinvolto, vuoi perché va dritto per la sua strada, lui, vuoi perché la panza la porto io!
Personalmente invece ho dovuto sentirne di cotte e di crude ed è stato un po' faticoso cercare di scindere e mettere da parte tutto questo ronzio di consigli che chiunque in buona fede si sente di darti quanto ti cresce la panza...

Partiamo dal fatto che molto spesso si considera - sempre in buona fede - la gravidanza come una malattia, ed accade fin dai primi mesi. Quindi tutti, e veramente pochi si risparmiano, si sentono di fare il tuo bene prodigandosi a darti consigli.
Tu stai bene, non hai nausee per fortuna, nemmeno te ne accorgi di essere incinta! ...se non fosse per il sonno che ti divora e sballa i tuoi orari: da nottambula passi ad essere mattiniera! e ti trovi a scrivere mail e a far cose alle 6 la mattina, scioccando te per prima e chi ti conosce!
La vita sociale si annienta ancora prima che tuo figlio, venga al mondo o se ne veda la presenza nel tuo addome, perché come diavolo fai ad uscire dopo cena se ti addormenti anche al cinema delle sei?!
Tutto fila liscio se non che le vocine si moltiplicano: "Ma vieni a lavoro in motorino?! ma le sollecitazioni, le buche per le strade! potrebbe essere pericoloso! ma no prendi la macchina, che importa se ti stressi con ore di fila e di ricerca del parcheggio!! ...e non lavi la frutta con l'amuchina! Sì è candeggina, ma lo toxo! E mangi pure il sushi?! ma non ne puoi fare a meno per questi mesi? Hai già preparato la camerina!? non la vorrai mica far dormire in camera con te?! ...e dove andrai a partorire? Lo so che sei solo al terzo mese ma non ti sei informata?!...e il tuo ginecologo in che ospedale lavora? Ah, non è un ospedaliero... Ma la cintura la puoi portare?"
eccetera eccetera

Io ci avevo appena un po' da fare come avrete capito, la tesi incombeva e me la volevo togliere dai piedi prima possibile, almeno prima dell'arrivo di Margherita. Il caldo di questa estate, in questa conca tra l'Appennino e le colline, è stato potente e prolungato. Il mio fisico chiedeva i gusti saporiti delle aringhe nordiche per dare sostegno alla pressione.
Per fortuna gli orecchi mi sono tappati a luglio e fino ad ora non c'è stato spazio per altro.

Adesso ho messo su un certo filtro e mi sento pronta ad affrontare i consigli che si prodigheranno sulla cura della bambina: "Ma come allatti al seno? stai attenta che ti vengono le ragadi, e mangi il cavolo nonostante l'allattamento? e il caffè lo puoi prendere? bevi il vino? ma non mettere le mani nell'acqua le puerpere non possono, e già fai yoga? ah ai miei tempi non ci si vestiva così! e tieni la bambina nella fascia? e se cade?"

Colgo l'occasione per fare gli auguri di buon viaggio a Vito e sua moglie, al loro 5° mese di attesa, che oltre ad affrontare tutte queste raccomandazioni "generiche" ne hanno dovute aggiungere altre relative al viaggio che faranno in Terrasanta. In bocca al lupo e vogliamo notizie al ritorno!

2 commenti:

sonia.namaste ha detto...

Cara, non sono mamma ma da un mese sono diventata una superzia perchè la mia migliore amica ha avuto una bambina. Prima del parto lei si superdocumentava e ascoltava tutte le voci di corridoio. quando la accompagnavo per qualche visita dovevo tapparle le orecchie per non farla andare in paranoia. Nelle sale di attesa se ne sentono di tutti i colori. Insomma...lei è arrivata al parto con una marea di informazioni e aspettative ma...alla fine...la piccola le ha fatte cadere tutte spiazzandola totalmente. Ora si sta adattando al nuovo assetto da nuova mamma ma questo l'ha spiazzata più del parto. Con questo voglio dirti che si, è bello sentire pareri...ma...è bello anche vivere le cose così come vengono. Tanti auguri

La Francese ha detto...

Ciao Sonia, è proprio questo il senso del post. Non avrei mai pensato, prima di trovarmici, che potessero essere così "penetranti" le osservazioni che gli altri ti rivolgono. Fino ad ora non ho avuto alcun problema a passarci sopra.
Saranno gli ormoni? o forse è che ti trovi davanti ad un evento veramente importante?
C'è da fare un po' di "buccia" poi, tutto scivola via! ^_^

Tour invernale della Sicilia: Siracusa

Leggi anche Tour invernale della Sicilia prima parte (Trapani, Erice, Marsala) seconda parte (Agrigento, Ragusa e dintorni) Siracusa è...