domenica 21 febbraio 2010

Anticipo di Primavera

In questo luogo dove "l'inverno non arriva mai, e l'autunno si protrae fino a primavera", questa mattina, abbiamo preso la bici di buon'ora e ci siamo diretti verso la città. Abbiamo sfruttato una piccola parte delle piste ciclabili che costeggiano l'Arno ...e non eravamo certo i soli! Si vede che non sono tutti dormiglioni come me, che per tirarmi giù dal letto il Principino si inventa sempre qualche scusa!
Anticipo di Primavera
Abbiamo percorso il tratto che dai Renai di Signa porta fino al Parco delle Cascine.
Siamo passati sotto il Ponte all'Indiano, la cosa più simile a Brooklyn che la Toscana riserva e siamo entrati nel Parco vero e proprio. Qui l'Indiano e tantissima gente a passeggio.
Anticipo di Primavera 2

Ma devo ammettere che più che attratta dall'attività fisica della pedalata in se, la spinta vera me l'ha data sapere che in Piazza Santo Spirito c'era la Fierucola, appuntamento mensile con il mondo del piccolo artigianato e del cibo bio.
Ma prima di buttarsi nello shopping abbiamo sfruttato l'apertura della Basilica per salutare il Mastro Filippo! ^_^
Avrei comprato tutto, ma mi sono contenuta, già trasportare il mio peso in bici mi è stato sufficiente! Ma avrei voluto acquistare di tutto, dalle farine di mais e farro, ai sacchettini con la lavanda per rilassare gli occhio, ai topinambur talmente piccoli che pensavo fosse zenzero!

Il Principino ha assaggiato il Neccio, crespella di farina di castagne tipica della montagna pistoiese. Nel pistoiese, come in tutte le zone montane, la castagna ha sfamato generazioni intere ed ora è un alimento dimenticato. La coppia anziana ci ha mostrato con orgoglio le loro "forme" di ghisa ottocentesche e ci ha mostrato le foto delle precedenti piastre in pietra, avute in eredità dai genitori.
Il neccio pistoiese

Un bel diversivo alle domeniche di studio che presto, prestissimo, ricominceranno.


Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
google-site-verification: googlec495cc6d006329c6.html