mercoledì 1 ottobre 2008

E la chiamano sicurezza


E poi dicono che il conflitto d'interessi è roba vecchia. Hanno preparato il terreno al ritorno del Grande Semplificatore soffiando sulla paura e sull'odio. Le sue televisioni e i suoi giornali non hanno fatto altro negli ultimi anni. Hanno preso Roma e l'Italia grazie ai megafoni sparati a tutto volume contro lo straniero e il rom. Hanno reso giustificabili i pogrom contro i campi nomadi, la giustizia fai da te, dato legittimità alla xenofobia che si è fatta governo. E oggi sempre di più qualcuno crede davvero che il mondo si divide in uomini e sottouomini. E allora su questi ultimi ogni violenza è permessa.

5 commenti:

lucilla ha detto...

Proprio ieri sentivo il capo dei vigili urbani che in trivvù, con bianchissima faccia tosta, diceva che evidentemente i suoi uomini non avevano potuto fare a meno di fermare il tizio con la violenza, perchè evidentemente il tizio era scappato vistocchè evidentemente aveva qualcosa da nascondere e quindi evidentemente....

La Francese ha detto...

un Paese indecente oramai il nostro!
evidentemente vistoché
non servono più prove e fatti, ci si basa su presupposti e pregiudizi

come siamo arrivati a tanto?

Nathan ha detto...

@Lucilla
già, peccato che prima i vigili avessero dichiarato che l'occhio nero se l'era fatto cadendo mentre scappava. Ora invece sostengono che, visto che ha fatto resistenza, hanno dovuto, in qualche modo, "contenerlo".

e poi, ovvio per tutti ormai che un viso scuro che si aggira in un parco sta sicuramente commettendo un reato. meglio arrestarlo preventivamente e già che ci siamo dargli anche una bella lezione.

sui vigili sceriffi da non perdere questo pezzo di Curzio Maltese http://www.repubblica.it/2008/08/sezioni/cronaca/prostituta-reazioni/commento-maltese/commento-maltese.html

Baol ha detto...

Stiamo tornando indietro...che schifo :(

roux65 ha detto...

non stiamo tornando indietro...
già ci siamo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
google-site-verification: googlec495cc6d006329c6.html