martedì 25 marzo 2008

Cognome: Dell'Ingrasso Nome: Pasquale

ovvero di un lento fine settimana chiuso con rapidità.

Tutto è iniziato con l'attesa di un'ora.
Perso il regionale delle 21,15 per Torino, ho dovuto attendere un'ora alla stazione di Milano per l'ultimo treno, direzione Santhià. Triste panino di stazione, triste desco su di una panchina tra i binari, all'insegna di un viavai di pulotti su biga sorveglianti imbriachi svizzeri. Goduriosi 'sti svizzeri!
Il mio ritardo ha permesso al CoreMio di farsi trovare - per la prima volta!! - al binario della nebbiosa provincia vercellese e di portarmi dritta dritta nel Regno-Montano-di-Planet sgamandosi la pizza da Graziella, tipico locale da comunione anni '80 da me intercettato sul uebbe nella deserta Santhià. (Alla prossima preparati!)

Dal sabato in poi ho vissuto una sorta di narcolessia, appisolandomi ogni dove poggiavo la testa. Che dire?! Avevo bisogno di recuperare si vede! Lento risveglio mattutino e bivacco postprandiale nella vigilia, giro di shopping rilassato e azzeccato, almeno per il "grande libro delle finestrelle" donato alla duenne Sofia! Cena gourmet a base di bagna cauda, delizia che riproporrò sulle mie tavole.

La domenica Pasquale è stata tormentata sull'inizio dalla puzzifera Ortensia - regalo per la suocera!! - lasciata quasi gelare e poi marcire, l'intera notte e la successiva mattina in macchina (tenete presente che la temperatura era scesa anche sotto zero!)... risolto con forbici eviranti fiori, abbiamo tentato la passeggiata digestiva. Ma il vento e la narcolessia ha risolto il tutto con un tour in macchina su di una bella strada di mezza costa, passata per il Lago di Bionaz, Valpelline, Etroubles.. Pisolino sul divano e via per una nuova avventura golosa dal The-Big-Brother! Udite Udite la Fondue alla Svizzera! Goduriosi 'sti svizzeri! Mix di formaggi freschi (NO FONTINA!) e vino bianco hanno creato una mousse brulicante nel quale intingerci cantuccini di pane! UHMMMM ...e per di più non ci si può bere che vino insieme, altrimenti fa palla nello stomaco! Lì dovevamo scegliere, meglio lo stomaco o il fegato in tilt?!

Tornati a casa sui gomiti, la domenica è volata, accelerata da una mia veloce ripartita, da un passaggio in auto che mi ha riportato a casa in meno di 4 ore.
Quasi non ce ne siamo accorti, il tempo insieme è volato. I chili no, quelli sono rimasti e rimarranno. 



Paese di montagnaPiccolo Lago di Lexert a BionazGermogli di montagnaabetelago lexert di Bionaz (AO)

16 commenti:

Nathan ha detto...

per la precisione:
il "paese di montagna" della prima foto è Oyace e il lago lexert in questa stagione è ancora ghiacciato e coperto di neve (per questo motivo non si vede nessun lago nella foto)

io comunque ho mangiato poco...

lafrancese ha detto...

per la precisione:
1) ho corretto il titolo della foto! :-P
2) mi ci ha portato vestita da pranzo dalla suocera, sulla neve e sul lago ghiacciato che non si vede :-P :-P
3) non è vero, ha mangiato un sacco e ancora di più
:-P :-P :-P

Nathan ha detto...

e come mai non rammenti i cervi di Saint-Oyen? e le foto che gli abbiamo fatto?

Stefano Santarsiere ha detto...

Raga,
beati voi. Io e Teresa questo week-end siamo rimasti a casa. Il cambio di orario - pare un luogo comune ma ha un fondo di inelluttabile, come tutti i luoghi comuni - ci ha accasciati. E' come se l'ora in più ce la trovassimo tra le dita, non sapendo proprio che farcene e dove metterla. Di ore da vivere ne avevamo già troppe, non trovate?

Nathan ha detto...

Ma Ste,
forse hai vissuto una condizione di dilatazione del tempo. L'ora ce l'hanno tolta, non aggiunta...

Stefano Santarsiere ha detto...

E allora il problema è inverso: ho un'ora che mi manca nel sacchetto dell'esistenza. Ed è tutt'oggi che la cerco.
Che fare?

Nathan ha detto...

l'ora che ti manca oggi, te l'hanno già anticipata 6 mesi fa. dovresti essere grato che non ti hanno chiesto indietro gli interessi.

comunque io, più che in credito di tempo, mi sento in debito di sonno.

fortuna che grazie all'ora legale i dolcetti lucani di Teresa sono più vicini!

Stefano Santarsiere ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Stefano Santarsiere ha detto...

Hai ragione sull'ora da restituire. Ma quella che ho avuto sei mesi fa l'ho spesa tutta! Non l'avevo messa da parte. Il risultato è sempre lo stesso: ora come ora c'è un'ora in meno da (e su cui) contare.
Quanto ai dolcetti lucani, sai che non ce li hanno fatti fare? Dicono che, a causa di non so quale regolamento di igiene e sanità, nella sede della presentazione non sarà possibile portare dolci fatti in casa.
(Ho eliminato la versione precedente del commento per un errore pacchiano)

Nathan ha detto...

ah!
niente dolci lucani?
come pesce d'aprile mi sembra un po' crudele, Ste.
dimmi che non è vero.

Stefano Santarsiere ha detto...

E invece è vero. E' la vita.
Comunque possiamo sempre rimediare con un incontro inter nos, magari aperto a pochi degni iniziati, comr Panzallaria o altri.
P.S.: Mi leggi 'Quando s dice Arte' nel mio blog e mi fai sapere se ti è piaciuto. Alcuni che l'han letto mi hanno detto, in privato, che sono pazzo.

Nathan ha detto...

niente dolci lucani = niente dolci valdostani

c'est la vie.

leggerò, ma che sei pazzo, Ste, lo so già...

ottimo per l'appuntamento alernativo!

Stefano Santarsiere ha detto...

In effetti...

manuela ha detto...

Ai che dolore.....il locale non si chiama GRAZIELLA ma GABRIELLA" . Possibile che uno si impegni tanto per cercare un nome e gli altri si impegnano ancora di più per stroppiarlo? Ma almeno la pizza ti è piaciuta?

La Francese ha detto...

ciao Manuela!
sono io l'artefice della distorsione!
pardon!
la pizza si era buona, magari giovedì ci torniamo!

Nathan ha detto...

@manuela
ma tu sei la titolare?
non è che se torniamo ci fai un ricarico sulla pizza per ripagare il danno della storpiatura? ;-)

comunque, quella volta, per colpa del ritardo del treno, non ci siamo andati... :-(

Tour invernale della Sicilia: Siracusa

Leggi anche Tour invernale della Sicilia prima parte (Trapani, Erice, Marsala) seconda parte (Agrigento, Ragusa e dintorni) Siracusa è...